Print Friendly, PDF & Email

 

Si chiamano  Cesarine e sono padrone di casa  selezionate da Home Food per custodire e diffondere il patrimonio di sapienza, tradizione e cultura della nostra cucina regionale.

Il progetto Home Food,  patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole, da alcune Regioni italiane e dall’Università di Bologna, ha costruito una rete di Cesarine che copre tutta l’Italia.

Ogni regione fa riferimento ad una o più signore (o signori) appassionatamente impegnati nell’arte del ricevere, con gusto e familiarità.

Le Cesarine non gestiscono un ristorante in casa,  ma invitano alla loro tavola,  come ospite di famiglia,  chi condivide la passione per la tradizione, il territorio, i suoi sapori, i suoi valori, cioè la mission di Home Food.

Il tratto comune che le contraddistingue sono la convivialità, l’ ospitalità, l’ eleganza ed il  rispetto per le nostre tradizioni culinarie.

Si chiamano Cesarine perchè il nome  riporta alla mente antiche atmosfere familiari, quando le donne si occupavano alacremente della casa ed erano vere regine dei fornelli.

Ogni Cesarina propone un suo percorso del gusto, con preparazioni culinarie che  intrecciano storia personale e  del territorio creando un’ atmosfera che fa sentire gli ospiti quasi  come  parenti “acquisiti”.

Nasce per l’occasione un nuovo modello felice e temporaneo di famiglia: la famiglia glocale.

La prenotazione avviene solo online attraverso il sito http://www.homefood.it/  dove sono elencati i vari menù proposti  ed i prezzi.

Napoli offre una piccola e selezionatissima lista di Cesarine, affiliate all’Associazione dopo attente verifiche. Tra queste segnalo la signora Simonetta De Gregorio, con il suo menù improntato alla tradizione della cucina nobile del ‘700 napoletano….. famosi sono i suoi “Ziti al Ragù di Re Ferdinando”.

http://www.homefood.it/menu/dalla-puglia-alla-campania-per-imparare-la-cucina-nobile-del-700/

http://www.brigatadicucina.it/

https://www.facebook.com/iolanda.canale

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here