Print Friendly, PDF & Email

Uno dei simboli più noti del made in Sicily nello spazio per fare concorrenza ai tecnici della Nasa. È la sfida lanciata e documentata da tre giovani, il cui video ora sta spopolando su You Tube. Succede ad Enna, dove a cavallo di un drone, un cannolo arriva nello spazio. La “base” scelta per il countdown è la Rocca Cerere, la montagna che sovrasta il capoluogo della provincia omonima in Sicilia.

L’originale iniziativa è stata messa a punto da due filmaker, Antonella Barbera e Fabio Leone, che insieme all’informatico con la passione per l’elettrotecnica Paolo Capasso hanno lavorato al progetto. Il cannolo è stato posizionato su un pallone sonda, riempito di elio e dotato di una microcamera per documentare il successo dell’impresa. Il lancio, autorizzato con una richiesta al 41/o Stormo di Sigonella, è avvenuto il 2 febbraio scorso nonostante le avverse condizioni meteo.

Sul drone, grazie all’ingegnosità di Capasso, è stato montato un Gps che ha consentito di seguire il tragitto della “navicella” fino alla stratosfera, a quasi 30 mila metri d’altezza. Il pallone, che al suo interno aveva un paracadute, ha sorvolato la zona del catanese per virare poi verso la Sicilia occidentale prima di atterrare “dolcemente” con il suo carico a Bompietro, un paese delle Madonie in provincia di Palermo, dove il cannolo è stato recuperato.

Un’operazione nello spazio perfettamente riuscita, a metà tra l’esperimento scientifico e l’iniziativa goliardica. “Il nostro Sicilian Space Program – spiegano i quattro ideatori – è nato da una scommessa, dalla decisione di metterci alla prova. Un regalo ai siciliani che è anche un modo per farli sorridere. Un’azione performativa che appare come nonsense, ma che proprio per questo incuriosisce e porta la gente a cliccare il nostro video su Youtube”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here