Print Friendly, PDF & Email

“Un tè per me e una ciotola di latte per il micio”. Un’ordinazione insolita, ma reale.
Sono i Cat Cafè, un vero e proprio fenomeno culturale esploso in Giappone e che ora sta conquistando anche l’America e l’Europa.

Ma cosa sono i Cat Cafè? Sono luoghi in cui si può sorseggiare un caffè, gustare vari tipi di tè, leggere, studiare o navigare in internet, in compagnia dei veri padroni di casa: i gatti.

In tutto il Giappone attualmente si contano oltre cento Cat Cafè, di cui una quarantina a Tokyo. I regolamenti condominiali nipponici vietano agli inquilini di avere un animale domestico, i cat cafè sono così diventati dei luoghi di culto per gli amanti dei gatti, spazi in cui i clienti (solo dopo essersi lavati le mani) possono giocarci o coccolarli.

Cat Cafè

Anche l’Europa ha subito il fascino dei Cat Cafè: Vienna, Berlino, Londra, Parigi ed ora anche Torino. L’apripista italiano si chiama Neko Caffè, fondato da un gruppo di 4 amici, che per rendere concreta l’idea, hanno raccolto donazioni private. All’interno dei Cat Cafè i felini possono contare su spazi privati, cucce e ceste in cui possono rifugiarsi quando vogliono rimanere da soli.

Quello torinese nasce con una sensibilità sociale in più, come hanno spiegato i fondatori: “al cat café vivranno 7 gatti, non come specchietto per le allodole, ma tutti mici di almeno un anno adottati da gattili, o provenienti da situazioni difficili. Il nostro scopo, attraverso il cat café, è quello di far avvicinare più persone possibili al mondo animale, in un modo diverso e nell’ottica di una corretta convivenza tra le specie e della solidarietà sociale con l’obiettivo primario di migliorare la qualità della vita delle persone”.

L’idea ormai è lanciata: Neko Café e Cat Cafè sono dei marchi registrati ed il Neko Café di Torino sarà la prima di altre aperture in franchising in diverse città italiane.

Cat CafèCat Cafè
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here